21 ottobre 1860 – Il Regno delle due Sicilie vota il plebiscito di annessione

Il 21 ottobre del 1860 si svolse il plebiscito per l’annessione dell’ormai ex Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna. Quel giorno il 79% degli aventi diritto al voto si espressero per il Sì.

Tutto ebbe inizio il 2 ottobre, quando Camillo Benso conte di Cavour chiese al parlamento piemontese il potere di compiere mediante un decreto l’annessione di tutte le province che avessero votato l’unione al regno di Vittorio Emanuele attraverso un plebiscito.

Giunta notizia di questo decreto a Crispi e Garibaldi a Napoli, si decise di procedere con il plebiscito. Infatti, sino ad allora si era discusso sulla possibilità tra un voto popolare o un’assemblea in grado di aggiungere delle condizioni  all’annessione. Tutta la discussione di quei giorni verteva sul significato del plebiscito: era un’unificazione o un’annessione? Si voleva aderire al Regno Piemontese incondizionatamente? Oppure era meglio convocare un’assemblea in grado di decidere le modalità dell’unificazione?

Garibaldi, anche se fu più volte in disaccordo con Cavour durante la sua spedizione nel Sud, si rassegnò agli eventi poiché era completamente assorbito dalla battaglia del Volturno, ancora convinto di poter arrivare a Roma. La notizia del plebiscito di Napoli rimbalzò anche in Sicilia dove il prodittatore Giuseppe Mordini aveva deciso per un’assemblea. Mordini, convinto di assecondare le volontà di Garibaldi, disdette l’assemblea e convocò il plebiscito per il 21 ottobre come stabilito anche a Napoli.

Il 15 ottobre, prima della consultazione, Garibaldi precisò subito che «le Due Sicilie fanno parte integrante dell’Italia, e che egli deporrà la Dittatura nelle mani de Re».

Si votava o no alla seguente domanda: “Il popolo vuole l’Italia Una e indivisibile con Vittorio Emanuele Re costituzionale e i suoi legittimi discendenti?“.

Il voto doveva essere dato “per bullettino stampato o scritto portante la scritta SI o No”. La scheda, una volta piegata, doveva essere consegnata nelle mani del presidente del comitato elettorale che deponeva il tutto nell’urna chiusa alla presenza dell’elettore. Era chiaramente un voto non segreto e lasciava poche possibilità a chi voleva votare per il No.  Come scrisse lo storico Cesare Cantù, “il plebiscito giungea fino al ridicolo, poiché oltre a chiamare tutti a votare sopra un soggetto dove la più parte erano incompetenti, senza tampoco accertare l’identità delle persone e fin votando i soldati, si deponevano in urne distinte i e i No, lo che rendeva manifesto il voto”.  D’altronde, come diceva un giornale di allora (Il Regno d’Italia),  “il o il No rimane tuttavia libero ma è una tal libertà che servirà a imprimere una macchia indelebile nella coscienza di chiunque profferirà un No invece di un Sì”.

Il plebiscito fu raccontato anche da Giuseppe Tommasi di Lampedusa ne “Il Gattopardo”, che ispirò l’omonimo film (1963). Qui sotto la scena in cui il Principe di Salina si appresta a votare.

Link e documenti.

Luigi Di Martino, Il Plebiscito del 1860 in Sicilia, Edizioni Adef, Napoli, 2013.

Il plebiscito del 1860 in Sicilia, Sito Regione Siciliana.

 

Annunci

3 thoughts on “21 ottobre 1860 – Il Regno delle due Sicilie vota il plebiscito di annessione

  1. In uno stato di guerra bisognava fare un trattato di pace sotto l.osservanza della comunità internazionale di allora e non un plebiscito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...