25 Dicembre 1989 – Il Presidente rumeno Nicolae Ceaușescu viene condannato a morte

220px-Nicolae_CeausescuIl 25 Dicembre 1989, dopo un processo sommario ed una camera di consiglio durata meno di un ora, il Presidente della Romania Nicolae Ceaușescu venne condannato a morte insieme alla moglie  Elena Ceaușescu per genocidio, crimini contro lo stato e distruzione dell’economia nazionale. La condanna venne eseguita poche ore dopo.

La deposizione e l’esecuzione di Ceausescu rappresentò l’atto conclusivo delle proteste popolari che portarono all’abolizione del regime comunista in Romania e seguì di pochi giorni la grande manifestazione di Timişoara che rappresentò il culmine della rivolta.

Al potere dal 1965, Ceausescu rappresentò un leader di spicco all’interno dei paesi del Patto di Varsavia che spesso si pose in un più o meno celato contrasto con le linee direttive moscovite rifiutando, in particolare la teoria della sovranità limitata elaborata dal regime sovietico per giustificare l’intervento armato in Cecoslovacchia nel 1968.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...