29 Dicembre 1845 – Il Texas entra a far parte degli Stati Uniti

texas

Nella prima metà dell’800 il processo di colonizzazione statunitense dell’America settentrionale raggiunse un livello impressionante. Tuttavia se ad est l’avanzata dei coloni proseguiva incontrastata, a sud gli Stati Uniti confinava con l’impero coloniale spagnolo.

Il Texas, in particolare, venne annesso dal Messico nel 1828 ma divenne ben presto luogo di una notevole colonizzazione statunitense tanto che nel 1836 la regione texana dichiarò la propria indipendenza dal Messico chiedendo, al contempo, di essere incorporata dagli Stati Uniti.

L’intervento di Inghilterra e Francia, che premevano per l’indipendenza del Texas, offrì il pretesto per un’azione risoluta degli Stati Uniti, le cui elezioni presidenziali vennero vinte nel 1844 da James Knox Polk che rappresentava l’ideale espansionistico  della politica americana.

Il 29 Dicembre 1845, pertanto, il Texas venne formalmente annesso agli Stati Uniti e, seppur titubante, anche l’Inghilterra dovette accettare il fatto compiuto rendendosi conto della precarietà di una possibile azione a sostegno dell’indipendenza del Texas.

L’affare texano rappresentò, in tal modo, un’applicazione pratica e concreta della Dottrina Monroe (http://wp.me/p2L85N-iX).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...