14 gennaio 1968 – Terremoto del Belice

Gli effetti del terremoto del Belice.
Gli effetti del terremoto del Belice.

La notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968 un forte terremoto di magnitudo 6,1 colpì la valle del Belice, nella Sicilia occidentale.

L’entità del terremoto fu compresa solo 24 ore dopo, sottovalutando l’impatto del sisma in una zona considerata a basso rischio. Quando i soccorsi arrivarono nei paesi più colpiti (Gibellina, Salaparuta, Poggioreale e Montevago) si scoprì la gravità dell’evento. Le vittime furono 370, circa un migliaio di feriti e 70 mila senzatetto.

Il terremoto del Belisce fu una delle prime dimostrazioni di impreparazione dello Stato italiano alle calamità naturali sia durante l’emergenza sia nella fase di ricostruzione. Le istituzioni fallirono soprattutto nel tentativo di ricreare un tessuto sociale, economico e produttivo delle zone colpite. Esempio clamoroso fu la costruzione della città museo di Gibellina, dotata di edifici firmati da grandi architetti e di opere d’arte di altrettanti artisti, tuttavia incapaci di dare un’identià reale alla vita del paese.

Contributi multimediali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...