12 gennaio 1970 – Fine della guerra del Biafra

Mappa del Biafra
Mappa del Biafra

Il 12 gennaio 1970, con la capitolazione del Biafra, terminava la Guerra civile nigeriana iniziata il 6 luglio 1967.

Dopo ben due colpi di stato, si era aggravata la tensione tra le etnie interne al Paese. Infatti, nel 1966 alcuni cittadini nigeriani di etnia Ibo, presenti maggiormente nella parte sudorientale, furono massacrati nel nord del Paese. Così il 30 maggio 1967, il colonnello Odumegwu Ojukwu, governatore delle zone di etnia Ibo, dichiarò l’indipendenza della Repubblica del Biafra dalla Nigeria. Ebbe inizio una estenuante guerra civile, un massacro che costò caro soprattutto al neo costituito Biafra.

Rivelatasi una guerra dove nessuno dei due contendenti riuscì ad avanzare, le forze nigeriane si decisero per l’assedio bloccando i rifornimenti terrestri, navali e aerei. Ebbe inizio così il degrado delle condizioni di vita degli abitanti del Biafra. Anche gli aiuti internazionali ebbero serie difficoltà nel raggiungere le zone assediate: al loro ritorno raccontarono la disperazione di un popolo. Il bilancio nel Biafra, alla fine della guerra, fu di circa tre milioni di morti per le malattie e la fame, più che per la guerra.

Contributi multimediali.

Annunci

1 Dicembre 1958 – Nasce la Repubblica Centrafricana indipendente

mappa-repubblica-centrafricana-africana-6000001 L’1 Dicembre 1958 l’Assemblea centrafricana dichiara la nascita della Repubblica Centrafricana con a capo  Barthélemy Boganda, il quale governerà per un anno a causa della sua morte in un incidente aereo nel 1959.

La Repubblica Centrafricana è uno dei paesi più poveri al mondo, situata nell’Africa centrale. Dal 1903 è stata una colonia francese sotto il nome di Ubangi Shari. Nel 1910 divenne parte del A.E.F. (Afrique Équatoriale française) formata da altri tre stati: Gabon, l’odierna Repubblica del Congo e il Ciad.

I francesi crearono il loro impero coloniale sfruttando il territorio ricco di piantagioni di cotone e numerose miniere di diamanti. Dopo la seconda guerra mondiale iniziò a piccoli passi il processo di indipendenza, dapprima con l’attribuzione della cittadinanza francese alla popolazione dell’ AEF, poi con la nascita dell’Assemblea centrafricana incentivata da Boganda. Infine la totale indipendenza arrivò con la dichiarazione del 13 Agosto 1960.

9 ottobre 1962 – L’indipendenza dell’Uganda

Il 9 ottobre 1962 l’Uganda ottiene l’indipendenza dalla Gran Bretagna.

Dopo un graduale allentarsi del controllo britannico e il conseguente fiorire di partiti politici in Uganda, la Gran Bretagna concesse l’indipendenza, creando una conformazioni statale semi-federale. Il re del Buganda (una regione del Paese) fu nominato presidente, mentre Milton Obote divenne primo ministro. Quest’ultimo fu il protagonista del processo di indipendenza e fondatore dei primi movimenti politici nel paese fin dagli anni ’50. Tuttavia, dopo solo quattro anni dall’indipendenza, lo stesso Obote attaccò il palazzo presidenziale e creò una repubblica, concentrando sostanzialmente tutti i poteri nelle sua mani.

Contributi multimediali.