28 febbraio 1991 – Si conclude la Guerra del Golfo

Prima Guerra del Golfo
Prima Guerra del Golfo

Nonostante l’Iraq avesse riconosciuto il Kuwait, il 2 agosto 1990 il presidente Saddam Hussein decise di intraprendere la Prima Guerra del Golfo. Le truppe irachene invasero il Kuwait con lo scopo di acquisirlo sulla base della comune identità etnica. Immediatamente l’ONU condannò l’azione irachena, invitando il presidente Hussein a ritirare le truppe con la risoluzione 660 e imponendo sanzioni economiche con la 661. Si passò dalle minacce ai fatti con la risoluzione numero 678, che diede l’ultimatum a Saddam Hussein, che tuttavia  non si ritirò dal Kuwait.

Gli Stati Uniti, intanto, avevano messo insieme una coalizione di 34 stati, tra cui l’Italia. Subito dopo la scadenza dell’ultimatum, si procedette al bombardamento aereo di basi missilistiche e infrastrutture con l’operazione Tempesta nel deserto, il 17 gennaio 1991. Successivamente partì l’attacco via terra, fino a quando non si penetrò nel territorio iracheno con l’operazione Desert Sabre. Il 28 febbraio 1991 la guerra fu considerata finita, quando il presidente George H. W. Bush dichiarò terminate le ostilità.

Molte furono le controversie in merito alle azioni americane, che spesso oltrepassarono il mandato dell’ONU. I paletti stabiliti dall’organizzazione internazionale prevedevano la sola evacuazione irachena dal Kuwait. Altro punto controverso fu l’utilizzo di un vaccino sperimentale iniettato alle truppe statunitensi e che ebbe come conseguenza malformazioni e malattie incurabili per i soldati e per i loro figli.

Nonostante le truppe americane avessero avuto la possibilità di arrivare a Bagdad, il presidente Bush senior decise di fermarsi per non creare un vuoto di potere e degli sconvolgimenti che avrebbero potuto complicare ulteriormente la situazione in Medio Oriente.

Contributi multimediali.

Annunci

20 Gennaio – Insediamento Presidenti statunitensi

imagesNel 1937 con il secondo insediamento di Frank Delano Roosvelt alla presidenza statunitense, inizia la prassi di far insediare il 20 Gennaio i presidenti eletti in Novembre.

Dopo il terzo ed il quarto mandato roosveltiano, il 20 Gennaio 1945 avvenne l’insediamento del Vice Presidente Henry Truman succeduto alla presidenza dopo la morte dello stesso Roosvelt.

Dopo Truman giurarono il 20 Gennaio:

  • 1953 e 1957 Dwight D. Eisenhower;
  • 1961 John Fitzgerald Kennedy;
  • 1965 Lyndon B. Johnson (in carica dall’assassinio di Kennedy);
  • 1969 e 1973 Richard Nixon (sostituito nel 1974 da Gerald Ford dopo lo scandalo Watergate);
  • 1977 Jimmy Carter;
  • 1981 e 1985 Ronald Reagan;
  • 1989 George H. Bush;
  • 1993 e 1997 Bill Clinton;
  • 2001 e 2005 George W. Bush;
  • 2009 Barack Obama;
  • 2017 Donald Trump

Storico discorso di insediamento di John Fitzgerald Kennedy: